Fognature e acque di scarico: ecco cosa sapere

By 2 August 2016

scarichi-puliti-640x320-1

Come si classificano le acque di scarico?

Le acque reflue domestiche si suddividono in acque bianche e acque nere.

Le prime sono derivanti da tetti, giardini e cortili a opera delle precipitazioni; le seconde invece sono prodotte dagli scarichi fognari delle cucine e dei bagni.

Ad eccezione di allagamenti dovuti a straordinarie piogge e impianti fognari trascurati, le acque più delicate a cui prestare maggiore attenzione sono le acque nere.

Come è composta la rete di scarico delle acque nere?

La rete di scarico acque nere si compone di:

  • Tubazioni di scarico orizzontali che collegano la rete fognaria delle singole utenze e permettono di collegarsi alla colonna di scarico verticale;
  • Colonna di scarico verticale: formata da una canalizzazione in acciaio, piombo o tubi in pvc serie rossa . Ha la funzione di evacuare le acque di scarico all'esterno dell'immobile
  • Pozzetto degrassatore (in prossimità degli scarichi della cucina) dove si depositano grassi e unto evitando di ostruire le tubature;
  • Sifone: impedisce la risalita di cattivi odori;
  • Pozzetti di ispezione: sono prefabbricati in calcestruzzo situati in corrispondenza dei cambi direzione delle tubature e permettono una corretta e più agevole pulizia della linea;
  • Tubazioni della vera e propria rete di scolo.

Cosa si intende per “fossa biologica”?

Una fossa biologica è una fognatura statica utilizzata in mancanza di allacciamento alla rete fognaria pubblica.  Solitamente è impiegata in condomini e abitazioni isolate, per  contenere i rifiuti solidi.

Cosa si intende per “pozzo nero”?

Un pozzo nero è un ampio contenitore sotterraneo in cui si accumulano le acque nere.  A differenza della  fossa biologica necessita di manutenzione e svuotamenti più frequenti.

Come si fa a mantenere efficienti pozzi neri e fosse biologiche?

Il buon funzionamento di pozzi neri e fosse biologiche è garantito da interventi di manutenzione fognaria regolari, ed eseguiti da società di spurgo qualificate.

Le società che possono operare nel trattamento dei rifiuti sono iscritte all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, ed hanno cura di rispettare tutte le indicazioni e le delicate normative in tema ambientale.